Norme Tecniche di attuazione del Regolamento Urbanistico

Variante Comparto n.1 Zona C2 Località Capoluogo, Via Aia- approvazione del 25.07.18 (vigente)

Titolo I Norme generali stampa
Art. 1 Finalità e contenuti del Regolamento Urbanistico
Art. 2 Riferimenti legislativi e normativi
Art. 3 Validità, varianti e criteri interpretativi del Regolamento Urbanistico
Art. 4 Poteri di deroga
Art. 5 Statuto del Territorio del Piano Strutturale
Art. 6 Vincoli imposti da normative sovraordinate e vincoli urbanistici
6.1 Vincoli monumentali, paesaggistici e ambientali
6.2 Vincolo idrogeologico
6.3 Vincolo idrico
6.4 Vincoli derivanti dalla presenza di elettrodotti
6.5 Aree soggette a vincolo cimiteriale
6.6 Vincoli urbanistici
Art. 7 Mappa dell'accessibilità urbana
Art. 8 Limite dei Centri Abitati
Art. 9 Elaborati del Regolamento Urbanistico
Titolo II Attuazione del R.U stampa
Capo 1 Disposizioni finalizzate alla pianificazione del territorio degli insediamenti urbani ed alla valorizzazione dei beni storici, architettonici e paesaggistici stampa
Art. 10 Modalità di attuazione del R.U.
Art. 11 La Perequazione Urbanistica
Art. 12 Caratteristiche dei Piani Attuativi
12.1 Piani attuativi di iniziativa pubblica
12.2 Piani attuativi di iniziativa privata convenzionati
12.3 Piani di recupero (P.D.R.)
12.4 Programmi complessi di riqualificazione insediativa (P.C.R.I.)
12.5 Piani di rigenerazione urbana di cui agli artt. 74bis, 74ter, 74quater e 74quinquies della L.R. 1/2005
Art. 13 Intervento Diretto Convenzionato
Art. 14 Attuazione anticipata di opere di urbanizzazione primaria
Art. 15 Definizioni per l'attuazione del R.U.
15.1 Altezza degli edifici
15.2 Altezza dei locali
15.3 Altezza massima (H max)
15.4 Distanza dalle strade (DS)
15.5 Distanza dai fabbricati (DF)
15.6 Distanza dai confini (DC)
15.7 Distanza dai limiti di zona (DZ)
15.8 Esercizio di vicinato
15.9 Loggia
15.10 Lotto di intervento
15.11 Media struttura di vendita
15.12 Pertinenze
15.13 Piano di Edificio
15.14 Piano fuori terra
15.15 Piano seminterrato
15.16 Piano interrato
15.17 Porticato
15.18 Rapporto di Copertura (R.C.)
15.19 Rapporto di Permeabilità Fondiaria (R.P.F.)
15.20 Soppalco
15.21 Superficie Coperta (S.C.)
15.22 Superficie Fondiaria (S.F.)
15.23 Superficie Permeabile (S.P.)
15.24 Superficie Territoriale (S.T.)
15.25 Superficie Utile Lorda ( S.U.L.)
15.26 Superficie Utile Lorda Massima (S.U.L. MAX)
15.27 Superficie Utile Netta ( S.U.N.)
15.28 Superficie di Vendita (S.V.)
15.29 Vano scala
15.30 Volume
15.31 Volume tecnico
15.32 Corridoio ecologico
15.33 Strutture temporanee
15.34 Imprenditore Agricolo Professionale (IAP)
15.35 Imprenditore Agricolo (IA)
15.36 Operatore dell'Agricoltura Amatoriale (OAA)
15.37 Superficie Agraria Utilizzata (SAU)
15.38 Superficie aereo-illuminante
Art. 16 Disciplina della distribuzione e della localizzazione delle funzioni e del cambio delle destinazioni d'uso (piano delle funzioni)
Art. 17 Infrastrutture per la mobilità
17.1 Infrastrutture di interesse sovracomunale stampa
17.1.1 Strade extraurbane principali
17.1.2 Strade extraurbane secondarie
17.1.3 Linee ferroviarie
17.2 Infrastrutture di interesse comunale stampa
17.2.1 Strade urbane principali
17.2.2 Strade urbane di quartiere
17.2.3 Percorsi ciclopedonali
17.2.4 Strade vicinali
17.2.5 Distanza delle costruzioni dalle strade
17.3 Parcheggi pubblici
17.4 Parcheggi privati e parcheggi privati di uso pubblico
17.5 Impianti distribuzione carburanti
17.6 Corridoio infrastrutturale
Art. 18 Interventi sul patrimonio edilizio esistente
18.1 Manutenzione Ordinaria (MA.O)
18.2 Manutenzione Straordinaria (MA.S.)
18.3 Restauro e risanamento conservativo stampa
18.3.1 Restauro Architettonico (Re.A.)
18.3.2 Risanamento Conservativo (Ri.C./Ri.C.*)
18.4 Ristrutturazione Edilizia (RS.E.)
18.5 Addizione Volumetrica (AD.V.)
18.6 Sostituzione Edilizia (SO.E.)
18.7 Demolizione Edilizia (DE.E.)
18.8 Ristrutturazione Urbanistica (RS.U.)
18.9 Norme generali
Art. 19 Categorie di valore degli edifici di pregio storico, architettonico e/o ambientale, criteri di valutazione e modalità di intervento
19.1 Edifici e/o complessi edilizi di rilevante valore storico-architettonico
19.2 Edifici e/o complessi edilizi di alto valore storico-architettonico
19.3 Edifici e/o complessi edilizi di valore storico-architettonico
19.4 Edifici e/o complessi edilizi di interesse storico-testimoniale in rapporto agli assetti territoriali di origine rurale
19.5 Edifici e/o complessi edilizi di interesse storico-testimoniale in rapporto al contesto urbano
19.6 Edifici e/o complessi edilizi di modesto interesse architettonico e/o storico-testimoniale
19.7 Edifici minori
19.8 Struttura urbana ed organizzazione degli spazi pubblici centrali
19.9 Siti archeologici e aree di interesse archeologico
19.10 Parchi storico-culturali, giardini e formazioni arboree decorative
19.11 Siti della memoria
19.12 Prescrizioni tecniche per interventi su edifici di pregio storico, architettonico e ambientale
Capo 2 Disposizioni finalizzate alla sostenibilità e alla qualità degli interventi previsti dal R.U. e alla tutela dell'integrità fisica del territorio e dell'ambiente stampa
Art. 20 Campo di applicazione
20.1 Risorsa idrica, acquedotto e depurazione stampa
20.1.1 Prescrizioni relative alle reti acquedottistiche e fognarie
20.1.2 Tutela dei corsi d'acqua
20.1.3 Disciplina delle aree sensibili
20.1.4 Disposizioni per la salvaguardia degli acquiferi
20.1.5 Disposizioni per la salvaguardia delle fonti, sorgenti e pozzi
20.1.6 Disposizioni per la salvaguardia delle sorgenti e pozzi termali
20.2 Aria e clima acustico
20.3 Energia
20.4 Suolo e sottosuolo
20.5 Paesaggio stampa
20.5.1 Emergenze ambientali del paesaggio agrario
20.5.2 Aree con sistemazioni agrarie storiche
20.5.3 Formazioni calanchive e biancane
20.5.4 Aree di pertinenza dei Centri, degli Aggregati e dei Beni storico-architettonici
20.5.5 Siti e percorsi di eccezionale apertura visuale
20.6 Rifiuti
20.7 Radiazioni non ionizzanti
20.8 Risorse naturali e biodiversità
Art. 21 Contenimento dei consumi energetici
Art. 22 Disposizioni relative alle condizioni di pericolosità e fattibilità geologica, idraulica e sismica
22.1 Aree a pericolosità geologica (geomorfologica)
22.2 Aree a pericolosità idraulica
22.3 Aree a pericolosità sismica locale
22.4 Cartografia di adeguamento del quadro conoscitivo del piano strutturale
22.5 Classificazione della fattibilità stampa
22.5.1 Classe di Fattibilità f.4
22.5.2 Classe di Fattibilità f.3
22.5.3 Classe di Fattibilità f.2
22.5.4 Classe di Fattibilità f.1
22.6 Criteri generali di fattibilità in relazione alla pericolosità geologica stampa
22.6.1 Classi di fattibilità geologica
22.7 Criteri generali di fattibilità in relazione alla pericolosità idraulica stampa
22.7.1 Classi di fattibilità idraulica
22.8 Criteri generali di fattibilità in relazione alla pericolosità sismica stampa
22.8.1 Classi di fattibilità sismica
22.9 Attribuzione della fattibilità per gli interventi
22.10 Schede di Fattibilità
Titolo III Disciplina del Territorio stampa
Capo 1 Territorio aperto stampa
Art. 23 Le zone agricole
Art. 24 Disciplina generale delle zone agricole
24.1 Programma Aziendale Pluriennale Miglioramento Agricolo Ambientale (P.A.P.M.A.A.)
24.2 Agriturismo
24.3 Interventi di sistemazione ambientale
24.4 Nuovi edifici rurali ad uso abitativo
24.5 Nuovi annessi rurali
24.6 Nuovi annessi destinati all'agricoltura esercitata da imprenditori agricoli e operatori dell'agricoltura amatoriale e/o del tempo libero
24.7 Annessi per il ricovero di animali non connessi alle esigenze di aziende agricole stampa
24.7.1 Animali da cortile, ovini, caprini, suini e cani
24.7.2 Bovini ed equini
24.8 Manufatti precari
24.9 Serre
24.10 Edifici esistenti
24.11 Attività integrative
24.12 Strutture per le pratiche sportive e per il tempo libero
24.13 Sistemi e sub-sistemi territoriali
Art. 25 Zone E1: Aree agricole extraurbane
Art. 26 Zone E2: Aree agricole extraurbane di tutela degli insediamenti
Art. 27 Zone Ed: Attività produttive e/o estrattive nel territorio aperto
Art. 28 Zone Et: Attività turistico-ricettive nel territorio aperto
Art. 29 Zone Er: Aree e/o immobili soggetti a recupero ambientale e/o urbanistico nel territorio aperto
Art. 30 Aree boscate
Capo 2 Insediamenti stampa
Art. 31 Le UTOE: disciplina generale
31.1 Zone A: insediamenti storici di particolare interesse architettonico e urbanistico
31.2 Zone B1: insediamenti esistenti a prevalente carattere residenziale muniti delle opere di urbanizzazione primaria
31.3 Zone B2: aree destinate a nuovi insediamenti a prevalente residenziale soggette ad intervento diretto convenzionato
31.4 Zone C1: aree destinate a insediamenti a prevalente carattere residenziale soggette a piani attuativi in corso di esecuzione
31.5 Zone C2: aree destinate a nuovi insediamenti a prevalente carattere residenziale soggette a piani attuativi convenzionati
31.6 Zone D1C: insediamenti a carattere commerciale muniti delle opere di urbanizzazione primaria
31.7 Zone D1M: insediamenti a carattere commerciale e/o produttivo muniti delle opere di urbanizzazione primaria
31.8 Zone A: insediamenti storici di particolare interesse architettonico e urbanistico
31.9 Zone D2C: aree destinate a nuovi insediamenti a carattere commerciale soggette a piani attuativi convenzionati
31.10 Zone D2M: aree destinate a nuovi insediamenti a carattere commerciale e/o produttivo soggette a piani attuativi convenzionati
31.11 Zone D2P: aree destinate a nuovi insediamenti a carattere produttivo soggette a piani attuativi convenzionati
31.12 Zone E3: aree agricole integrative degli insediamenti
31.13 Zone E4: aree agricole periurbane
31.14 Zone F1: aree destinate a verde pubblico
31.15 Zone F2: aree destinate ad attrezzature pubbliche
31.16 Zone F3: aree destinate a verde privato
31.17 Zone F4: aree destinate a servizi privati di interesse generale
31.18 Zone T: aree destinate a servizi turistico-ricettivi interne agli ambiti urbani
31.19 Zone P: Aree destinate a parcheggi pubblici o di uso pubblico
31.20 Zone R: Aree e/o immobili soggette a recupero urbanistico interne agli ambiti urbani
Art. 32 Parametri urbanistici e indirizzi
32.1 UTOE 1 - Castelnuovo Berardenga
32.2 UTOE 2 - San Gusmè - Villa a Sesta
32.3 UTOE 3 - Casetta - Stazione - Colonna del Grillo
32.4 UTOE 4 - Pianella - San Giovanni a Cerreto - Ponte a Bozzone
32.5 UTOE 5 - Quercegrossa - La Ripa
32.6 UTOE 6 - Pievasciata - Vagliagli
32.7 UTOE 7 - Monteaperti
Art. 33 Dimensionamento del R.U.
33.1 Tabella riepilogativa del dimensionamento del R.U. per abitanti e posti letto
33.2 Tabella riepilogativa del dimensionamento del R.U. per funzioni
33.3 Tabella riepilogativa degli standards pubblici
Art. 34 Norme transitorie e di salvaguardia