Informazioni SUAP

1- Come cambia l’invio delle pratiche SUAP

Come autenticarsi
er accedere al sito regionale è necessario autenticarsi con un dispositivo contenente i propri certificati digitali per la navigazione in internet.

Cosa serve
Per inviare una pratica al SUAP è necessario disporre di uno dei dispositivi di seguito elencati, contenente i propri certificati digitali per la navigazione in internet e che consenta l’accesso alla piattaforma telematica regionale:
  • Carta Nazionale dei Servizi CNS (Carta Nazionale dei Servizi ) o SMART CARD
  • Tessera sanitaria regionale;
  • Chiavette, come la business key e il token usb.
1) L’utilizzo della SMART CARD o CNS richiede il collegamento al pc e quindi l’installazione di un lettore nel quale inserire la smart card oltre all’ installazione dei drive della tessera con cui accedere.La Smart Card è anche un dispositivo di firma che consente di firmare digitalmente la pratica da inoltrare oltre agli eventuali allegati.

2) In caso di utilizzo della tessera sanitaria della Regione è necessario abilitare la tessera e ottenere il PIN. Per abilitare la tessera sanitaria rivolgersi agli sportelli delle Aziende USL. I drive da installare sul pc sono scaricabili dal sito della Regione Toscana all’indirizzo http://csetoscana.aruba.it/web/guest/guida Importante: la Tessera Sanitaria delle Regione Toscana non è un dispositivo di firma digitale, pertanto si dovrà disporre di altro strumento per poter apporre la firmare digitale.

3) Per l’ utilizzo della “chiavetta” si devono eseguire i seguenti passaggi:
- Inserire la chiavetta nella porta usb del computer.
- Avviare il software (se non si avvia automaticamente cliccare su autorun.exe).
- Avviare il browser interno Portable Firefox Mozilla.
Il browser interno si può trovare in “E-government sicuro” o “Accedi in sicurezza” per la business key, in ”Applicativi” o “Utilità” per il token usb, cambia in base al dispositivo. I dispositivi su chiavetta contengono sia i certificati digitali della CNS e sia quelli per la firma digitale. 

2- Come inviare una pratica al SUAP utilizzando il sistema regionale per l’invio delle pratiche
Per inviare una pratica al SUAP si deve accedere alla piattaforma regionale mediante il banner che si trova nella home page di questo sito, sul lato destro.
I broswer consigliati per la navigazione e per l’accesso alla piattaforma sono Google Chrome e Mozilla Firefox.
Entrando nella piattaforma regionale, nel menu di sinistra troviamo alcune informazioni sul SUAP (Cos’è, il nominativo del responsabile, dove si trova, i contatti) e le aree dedicate (quella dell’operatore SUAP e quella dell’impresa).
Per l’avvio o la modifica di un’attività, va scelto il cosiddetto “endoprocedimento”, quindi cliccare su: Avvio Attività per inoltrare una SCIA o un’istanza (domanda) che prevede il rilascio di un atto/provvedimento.
Modifica Attività per inoltrare una SCIA o una comunicazione di subingresso, trasferimento, cessazione, ampliamento, riduzione di superficie, variazioni societarie, modifiche di varia natura e tutto ciò che non sia un inizio attività.

In entrambe i casi si apre l’elenco delle attività di competenza del SUAP diviso per categorie e a questo punto è possibile scegliere l’attività che interessa (è anche possibile effettuare una ricerca impostando un filtro per una o più parole chiave o per codice regionale).
Individuata l’attività, cliccando sulla stessa si apre la relativa scheda con le informazioni necessarie (descrizione regionale e se esistente la descrizione locale – comunale, requisiti, normative di riferimento, altri eventuali endoprocedimenti, eventuali importi dei diritti SUAP, etc). La scheda riporta anche gli altri moduli complementari forniti: modulo per procura speciale – modulo per dichiarazione dei requisiti morali – modulo per dichiarazione dei requisiti professionali, eventualmente da allegare.
A questo punto si ha la possibilità di avviare la procedura oppure di ritornare all’albero delle attività. Per avviare la procedura sarà richiesto di autenticarsi inserendo la password del dispositivo di accesso (smart card, tessera sanitaria o chiavetta).
Nel caso di inoltro di una segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), procedura definita standard 2 nella maggior parte dei casi NON È NECESSARIO UTILIZZARE ALCUNA MODULISTICA, MA È SUFFICIENTE INSERIRE ONLINE I DATI RICHIESTI (saranno visualizzati circa 14 quadri/sezioni, dei quali i campi gialli sono obbligatori); in base al tipo di attività che si sta avviando potrebbero essere richiesti alcuni allegati specifici, gli stessi dovranno essere allegati alla pratica online, dopo essere stati firmati digitalmente.
I, tutti gli altri casi, procedura definita standard 0, cioè nel caso di un’istanza che prevede il rilascio di un provvedimento, variazioni o comunicazioni di varia natura come sopra più dettagliato o nel caso di inizio attività per le quali non è previsto il format della SCIA online, DOPO AVER COMPILATO I VARI QUADRI/SEZIONI, (sono circa 8/10, dei quali i campi gialli sono obbligatori) DEVE ESSERE SEMPRE ALLEGATA LA SPECIFICA MODULISTICA COMPILATA E FIRMATA DIGITALMENTE; in base al tipo di attività potrebbero essere necessari alcuni allegati specifici, gli stessi dovranno essere allegati alla pratica, dopo essere stati firmati digitalmente. In tutti i casi, qualora l’attività preveda peculiarità del territorio (regolamentazioni comunali specifiche), sarà necessario aggiungere anche gli allegati previsti, compilati e firmati digitalmente, da scaricare nella sezione modulistica. 
Riassumendo si possono presentare tre casi di Standard delle pratiche del sistema regionale:
Standard 0: Il sistema richiede solo informazioni di base (sono circa 8/10 quadri/sezioni, alcune precompilate dal sistema, altre da completare con i relativi dati), al termine e prima dell’inoltro deve essere sempre allegata alla procedura la relativa modulistica.
Standard 2 con quadro E) non compilabile: Il sistema richiede informazioni di base e dichiarazioni specifiche, escluso il quadro E) riguardante le dichiarazioni relative alla specifica attività (sono circa 10/12 quadri/sezioni), al termine e prima dell’inoltro deve essere sempre allegata alla procedura la relativa modulistica. Solo quando l’attività preveda peculiarità del territorio (regolamentazioni comunali specifiche), sarà necessario aggiungere anche allegati compilati, da scaricare dalla modulistica
Standard 2: Il sistema richiede informazioni e dichiarazioni di base e dichiarazioni specifiche relative all’attività (sono circa 14 quadri/sezioni).
Solo quando l’attività preveda peculiarità del territorio (regolamentazioni comunali specifiche), sarà necessario aggiungere allegati compilati, da scaricare dalla modulistica, negli altri casi la procedura è online.
In molte attività che si avviano in SCIA con la procedura standard 2 (sia quelle con quadro E) non compilabile che quelle complete), sono richiesti anche dati, dichiarazioni ed allegati specifici per l’Azienda USL competente. Tale procedura consente in maniera contestuale di adempiere anche a tali obblighi di legge, senza dover attivare altre procedure.
Una volta conclusa la procedura di inserimento dei dati si può procedere alla firma digitale della pratica e quindi all’inoltro. Fatto ciò occorre attendere la ricevuta generata automaticamente dal programma che, ad esclusione dei casi in cui è necessario il rilascio di un atto autorizzatorio da parte del SUAP, consente di iniziare immediatamente l’attività o l’intervento segnalato.
La ricevuta va pertanto conservata a dimostrazione dell’avvenuto inoltro.

N.B. Il programma consente di modificare e salvare la pratica più volte prima di firmarla digitalmente. Per richiamare una pratica salvata cliccare su “le mie pratiche”, nell’elenco a sinistra, a questo punto si può procedere ad inserire nuovi dati o a modificare quelli già inseriti.

3- Modulistica comunale
La modulistica comunale per le pratiche dello Sportello Unico per le Attività Produttive deve essere utilizzata esclusivamente:
- nel caso in cui nella banca dati regionale (BDR) non sia presente il format della SCIA per l’avvio dell’attività online;
- nel caso in cui nella banca dati regionale (BDR) sia presente il format della SCIA per l’avvio dell’attività online, privo del quadro E) compilabile;
- nel caso in cui per l’inizio dell’attività occorra presentare un’istanza ed attendere il rilascio di apposito provvedimento;
- nel caso di modifica di attività esistente (subingresso, variazioni, cessazione); 

4- Possibili status del soggetto autenticato
Il soggetto che si autentica al sistema viene automaticamente riconosciuto dalle credenziali contenute nei certificati digitali ed è identificato come il “sottoscritto” della pratica e deve “scegliere” dalla finestra a tendina la motivazione per la quale agisce.
Il soggetto che si autentica può essere:
1. Dichiarante e sottoscrittore: quando il titolare/legale rappresentante dell’impresa è colui che si autentica al sistema.
2. Incaricato alla presentazione: quando il titolare/legale rappresentante dell’impresa firma digitalmente la pratica gli allegati e incarica altro soggetto al solo invio telematico (presentazione).
3. Procuratore speciale: quando il titolare/legale rappresentante dell’impresa delega con apposita procura speciale (da scaricare, insieme con il documento di identità in corso di validità, ed allegare alla pratica) il soggetto a firmare digitalmente la pratica e gli allegati e lo incarica anche all’invio telematico.