EMERGENZA CORONAVIRUS

Venerdì 26 Febbraio 2021

La Provincia di Siena in zona Rossa


Dal giorno 27/2/2021 la Provincia di Siena è in zona rossa.
Nel link che segue è presente un volantino con le indicazioni più importanti
Volantino riassuntivo zona Rossa



Domenica 15 Novembre 2020
La Toscana in zona Rossa

Volantino riassuntivo Toscana Zona Rossa


Riportiamo alcune delle indicazioni più importanti in zona rossa che sono valide da oggi 15 novembre
 

SPOSTAMENTI
All’interno dell’area rossa è vietato ogni spostamento, sia nello stesso comune che verso comuni limitrofi, ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità (per esempio l’acquisto di beni necessari) o motivi di salute.
Non è consentito far visita o incontrarsi con parenti o amici non conviventi, in qualsiasi luogo, aperto o chiuso.
Sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza, se prevista.
È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
È comunque consigliato lavorare a distanza.
Senza una valida ragione per uscire, è obbligatorio restare a casa.

AUTOCERTIFICAZIONE
Si deve essere sempre in grado di dimostrare che lo spostamento rientra tra quelli consentiti, anche mediante autodichiarazione che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e locali. La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli. La giustificazione del motivo di lavoro può essere comprovata anche esibendo adeguata documentazione fornita dal datore di lavoro.

ASSISTENZA PARENTI O AMICI NON AUTISUFFICIENTI
E' una condizione di necessità. Nel caso si tratti di persone anziane o già affette da altre malattie, ricordate però che sono categorie più vulnerabili e quindi cercate di proteggerle dai contatti il più possibile.

SEPARATI O DIVORZIATI
Sono consentiti gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Comuni di aree differenti. Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve.

NONNI, PARENTI, NIPOTI
E' consentito accompagnare figli e riprendere figli da nonni o parenti dopo la giornata di lavoro,  ma è fortemente sconsigliato, per gli anziani, gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio da COVID-19 e devono quindi evitare il più possibile i contatti con altre persone. Pertanto, questo spostamento è ammesso solo in caso di estrema necessità, se entrambi i genitori sono impossibilitati a tenere i figli con sé per ragioni di forza maggiore. In tale caso i genitori possono accompagnare i bambini dai nonni, percorrendo il tragitto strettamente necessario per raggiungerli e recarsi sul luogo di lavoro, oppure per andare a riprendere i bambini al ritorno.

SPESA FUORI COMUNE
Gli spostamenti verso Comuni diversi da quello in cui si abita sono vietati, salvo che per specifiche esigenze o necessità.
Fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti.
Laddove quindi il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito, entro tali limiti, che dovranno essere autocertificati

USCIRE PER ACQUISTARE BENI DIVERSI DA QUELLI ALIMENTARI
Solo per acquistare prodotti rientranti nelle categorie espressamente previste dal Dpcm 3 novembre 2020, la cui lista è disponibile nell'allegato 23 (che riporto nel post) 

VOLONTARIATO
Il divieto di spostarsi dal comune in cui ci si trova non riguarda coloro che svolgono attività di volontariato nell'ambito del Servizio nazionale di protezione civile o che siano comunque impegnati come volontari per fronteggiare l'emergenza sanitaria in corso.

SECONDA CASA 
E' consentito solo per porre rimedio a situazioni sopravvenute, imprevedibili e urgenti. 

LUOGHI DI CULTO
E' possibile raggiungere il luogo di culto più vicino a casa, intendendo tale spostamento per quanto possibile nelle prossimità della propria abitazione. Infatti, l’accesso ai luoghi di culto è consentito, purché si evitino assembramenti e si assicuri tra i frequentatori la distanza non inferiore a un metro.

ANIMALI DA COMPAGNIA
E' consentito per le sue esigenze fisiologiche, ma senza assembramenti e mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone.

VETERINARI
E' consentito lo spostamento, per esigenze urgenti. I controlli di routine devono essere rinviati.

PASSEGGIATE
Le passeggiate sono ammesse, in quanto attività motoria, esclusivamente in prossimità della propria abitazione. In ogni caso, tutti gli spostamenti sono soggetti al divieto generale di assembramento, e quindi dell’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza minima di 1 metro fra le persone. Resta comunque consentita la passeggiata, al fine di accompagnare i minori o le persone non completamente autosufficienti, senza che sia in questo caso necessario il rispetto della distanza di un metro.

ATTIVITA' MOTORIA
L’attività motoria all’aperto è consentita solo se è svolta individualmente e in prossimità della propria abitazione.

GIARDINI PUBBLICI
E' consentito a condizione del rigoroso rispetto del divieto di assembramento. È consentito l’accesso dei minori, anche assieme ai familiari o altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura.

BICI
L’uso della bicicletta è consentito per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che vendono generi alimentari o di prima necessità. È inoltre consentito utilizzare la bicicletta per svolgere attività motoria all’aperto nella prossimità di casa propria.

AUTO INSIEME A NON CONVIVENTI
E' consentito, con la presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura e di due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori, con obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina.

ORTI E ATTIVITA' AGRICOLE PER AUTOCONSUMO, OLIVE FRANTOIO
E' consentito andare fuori comune, integra il presupposto delle esigenze lavorative. Quindi la coltivazione del terreno per uso agricolo e l’attività diretta alla produzione per autoconsumo (quale ad. esempio quella di raccolta delle olive, conferimento al frantoio e successiva spremitura) sono consentite, a condizione che il soggetto interessato attesti, con autodichiarazione completa di tutte le necessarie indicazioni per la relativa verifica, il possesso di tale superficie agricola produttiva e che essa sia effettivamente adibita ai predetti fini, con indicazione del percorso più breve per il raggiungimento del sito.

BAR, RISTORANTI, PASTICCERIE
Sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto, consentita dalle 5 alle 22, e per la consegna a domicilio, consentita senza limiti di orario. Negli orari consentiti il clienti può stazionare nell'esercizio commerciale esclusivamente per il tempo strettamente necessario ad acquistare i prodotti per asporto.

CENTRI CULTURALI, SOCIALI, ASSOCIATIVI
Le attività al suo interno sono sospese

Volantino riassuntivo Toscana zona rossa




Venerdì 13 Novembre 2020

La Regione Toscana ha approvato una nuova ordinanza rispetto al tema degli spostamenti. A questo link il testo definitivo.

In Sintesi, sono consentiti gli spostamenti in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione:
- Per il raggiungimento delle seconde case, individualmente, solo per le  attività di manutenzione e riparazione con obbligo di rientro in  giornata;
- Per svolgere attività o usufruire di beni e servizi sospesi e non disponibili nel proprio comune;
- Nel caso in cui il proprio comune non disponga di specifici punti  vendita oppure nel caso sia necessario acquistare con urgenza generi di  prima necessità non reperibili nel proprio comune;
- Alle persone separate o divorziate per andare a trovare in comuni di aree differenti figli minorenni dall'altro genitore;
- Per le attività di raccolta e di frangiture delle olive, anche per andare e tornare dai frantoi;
- Per l'attività di raccolta di tartufi, funghi e attività di pesca  svolte a titolo professionale, tali attività svolte a titolo amatoriale  possono essere esercitate esclusivamente nel proprio comune;
- Per accudire gli animali allevati.


Castelnuovo che si prende cura

Ecco un po' di informazioni e numeri utili sui servizi sociali e alla persona attivi nel Comune di Castelnuovo Berardenga e quelli messi a disposizione dalla Regione Toscana come il numero antiviolenza e dalla Azienda USL Toscana Sud Est come il numero verde per il supporto psicologico.
Scheda numeri utili




Martedì 10 Novembre 2020

DPCM 3/11/2020
Riepilogo misure Toscana Zona arancione

Da mercoledì 11 Novembre la Toscana passa in zona Arancione. Di seguito il Riepilogo delle misure previste:

  • - vietato ogni spostamento, in entrata e in uscita, dalla Regione (salvo che per comprovate esigenze di lavoro, salute e urgenza);
  • - consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita;
  • - consentito il rientro nel proprio domicilio o nella propria residenza;
  • - vietato ogni spostamento in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili nel proprio comune;
  • - sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering;
  • - consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio.


Le misure di contenimento valide in tutto il territorio nazionale:

  • - mascherina sempre obbligatoria al chiuso e sempre da portare con sé all’aperto, indossandola comunque quando non è possibile mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro (uniche eccezioni: attività sportiva, bambini sotto i 6 anni, soggetti con patologie o impossibilitati all’utilizzo);
  • - dalle ore 22:00 alle ore 05:00 solo spostamenti per comprovate esigenze di lavoro, necessita, salute (necessaria autocertificazione);
  • - obbligo, per i locali pubblici e aperti al pubblico e per tutti gli esercizi commerciali, di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale;
  • - possibilità, da parte dei sindaci, di chiudere a qualsiasi ora o in determinate fasce orarie piazze e vie dei centri urbani;
  • - sospese le attività dei parchi tematici e di divertimento;
  • - consentito l'accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all'aria aperta, con l'ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza predisposti in conformità alle linee guida del Dipartimento per le politiche della famiglia di cui all'allegato 8;
  • - chiusura dei musei e delle mostre;
  • - didattica a distanza al 100% per le scuole superiori; per le scuole elementari e medie e per i servizi all’infanzia attività in presenza ma con uso obbligatorio delle mascherine (salvo che per i bimbi al di sotto dei 6 anni); sospese le gite di qualsiasi tipo;
  • - nelle giornate festive e prefestive chiuse le medie e grandi strutture di vendita, ad eccezione delle farmacie, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole;
  • - coefficiente di riempimento massimo del 50% sui mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale;
  • - sospensione dello svolgimento delle prove pre-selettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni “a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica”;
  • - chiusura dei corner scommesse e giochi nei bar e nelle tabaccherie (in tutti i locali anche adibiti ad attività differente);

sport:
-    consentita attività all’aperto (anche nei parchi) da soli rispettando la distanza di 2 metri;
-    consentiti solo gli eventi e le competizioni riconosciuti di interesse nazionale con provvedimento del CONI o del CIP degli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive Federazioni in impianti sportivi a porte chiuse o all’aperto senza pubblico. Gli allenamenti degli atleti, professionisti e non, sono consentiti a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle singole Federazioni;
-    ferma restando la sospensione/chiusura di piscine e palestre, sono consentite l’attività sportiva di base e l’attività motoria svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, con la prescrizione che è interdetto l’uso degli spogliatoi interni a detti circoli;
sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali.
 

MASCHERINE: DA OGGI 11/11/2020 E' POSSIBILE PRENOTARLE E RITIRARLE PRESSO LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

A conclusione del calendario di date per la consegna delle mascherine, effettuata in vari punti sparsi per il territorio durante la settimana dal 2 al 7 novembre, l'Amministrazione Comunale, sempre con il prezioso e imprescindibile aiuto del mondo de volontariato, ha ritenuto opportuno prorogare le attività di distribuzione.
Questo al fine di permettere di ritirarle a tutti coloro che, per un qualsiasi motivo, non lo hanno potuto fare durante le quattro date della settimana scorsa. Le mascherine, inoltre, a giudizio del buon senso delle persone, potranno essere nuovamente consegnate alle fasce più deboli della popolazione, con particolare riferimento ad anziani ed a cittadini alle prese con problematiche sanitarie gravi, tali da ridurre le difese immunitarie e consigliare un ricambio molto frequente ed un utilizzo delle protezioni anche in ambiente familiare.
Per poter ritirare le mascherine, saranno attive le associazioni di volontariato sociale sparse sul territorio, che potranno essere contattate ai seguenti recapiti, per fissare l'appuntamento per la consegna:

Pubblica Assistenza di Castelnuovo Berardenga
339 1226905 (Brandini Giuliano) - mail: info@pubblassistenza.191.it

Misericordia di Castelnuovo Berardenga
328 0579769
NEW - Presso la sede della Misericordia di Castelnuovo Berardenga, sita in piazza Marconi, la distribuzione è fissata per i seguenti giorni:
- Sabato 14 novembre dalle h.10.00 alle h.12.30
- Martedì 17 novembre dalle h. 16.30 alle 19.30
- Giovedì 19 novembre dalle h. 9.00 alle h. 12.30

 

Misericordia di Pievasciata
333 4560377 (Bernini Lorenzo) - mail: misericordiapievasciata@gmail.com

Misericordia di Quercegrossa
338 1243864 (Gorelli Roberto) - mail: misericordia.quercegrossa@gmail.com

NEW L'Associazione Misericordia di Quercegrossa ci segnala che il ritiro delle mascherine da parte di chi non ha potuto provvedere durante le date della settimana scorsa e per le persone con particolari necessità, per la zona di competenza (Quercegrossa, La Ripa e territorio limitrofo), potrà avvenire senza alcun preavviso, recandosi presso la sede sociale nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, tra le ore 9:00 e le ore 11:00, a partire da lunedì prossimo, 16 novembre.

Si ricorda che saranno consegnate tre mascherine chirurgiche e due mascherine di tipo FFP2 a persona.

Infine, per qualsiasi necessità ed informazioni, è possibile contattare l'Amministrazione Comunale al numero Covid 0577 351351, al numero della protezione civile 342 3573207, oppure tramite l'indirizzo mail: messaggi@comune.castelnuovo.si.it


 



Sabato 24 Ottobre 2020

Pubblicato il nuovo DPCM 24/10/2020 recante "Misure urgenti per il contenimento del contagio sull'ntero territorio nazionale". Il testo del decreto è consultabile al seguente link:
DPCM 24/10/2020
Entrata in vigore del provvedimento 26/10/2020.

Di seguito una sintesi del nuovo DPCM
Sintesi ANCI



Domenica 18 Ottobre 2020

Pubblicato il nuovo DPCM 18/10/2020 recante "Misure urgenti di contenimento del contagio sull'ntero territorio nazionale". Il testo del decreto ed il relativo allegato sono consultabili ai seguenti link:
DPCM 18/10/2020
Allegato A
Entrata in vigore del provvedimento 19/10/2020.

di seguito una sintesi:
Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5:00 sino alle ore 24:00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo; in assenza di consumo al tavolo l’orario di chiusura dovrà essere anticipato alle ore 18.00.
Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 24, la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
È fatto obbligo per gli esercenti di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo.
Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8:00 alle ore 21:00.
Restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso. Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto.
Le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone, fermo il rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti.
Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di evitare feste, nonché di evitare di ricevere persone non conviventi di numero superiore a sei.
Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale.
Sono sospese tutte le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza
L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni. Sono altresì sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale.
Nell’ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni; è fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza.
Fermo restando che l’attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, per contrastare la diffusione del contagio, le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, che rimane complementare alla didattica in presenza, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni, anche attraverso l’eventuale utilizzo di turni pomeridiani e disponendo che l’ingresso non avvenga in ogni caso prima delle 9:00.
Le Università predispongono piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione delle esigenze formative.
I sindaci possono disporre la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.




Martedì 13 Ottobre 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo Dpcm recante ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale.
DPCM 13 Ottobre 2020


Domenica 17 Maggio 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo Dpcm recante ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 sull'intero territorio nazionale.
DPCM 17 Maggio 2020
Allegati DPCM 17 Maggio 2020
 

Sabato 16 Maggio 2020

Il Presidente della Repubblica, ha firmato il DECRETO-LEGGE 16 maggio 2020, n. 33 Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00051) (GU Serie Generale n.125 del 16-05-2020)
Entrata in vigore del provvedimento: 16/05/2020

Domenica 26 Aprile 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo Dpcm recante ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 sull'intero territorio nazionale.
DPCM 26 Aprile 2020
 

MISURE DI SOSTEGNO PER LA RIPRESA DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE/COMMERCIALI IN MATERIA DI OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO

Con atto della Giunta Comunale numero 58 in data 8/6/2020 è stata deliberata la possibilità di ottenere un ampliamento delle superfici già concesse introducendo – per un periodo transitorio che va dal 1 maggio al 31 ottobre p.v. - una procedura “speciale” a fronte di una semplice domanda, con allegata la sola planimetria, in deroga al DPR 160/2010 e senza applicazione dell’imposto di bollo di cui al DPR N. 642/1972 sia per la domanda che per il provvedimento finale concessorio.

Dovrà essere presentata un'istanza al competente Settore Risorse in via telematica, con allegata planimetria della superficie pubblica o di uso pubblico indicando il periodo di durata dell’occupazione.

Per i dettagli si rinvia alla delibera e al fac simile di domanda allegati alla pagina


 

AVVISO PUBBLICO PER CONTRIBUTI A SOSTEGNO CANONI DI LOCAZIONE


A partire dal giorno 22 aprile 2020 e fino al giorno 12 maggio 2020 i soggetti in possesso dei requisiti, possono presentare domanda per ottenere un contributo straordinario a sostegno del canone di locazione, secondo quanto disposto dal presente Avviso e dalle vigenti disposizioni regionali, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Avviso Pubblico
Modello di Domanda
Modello di Domanda (Editabile)

 

Alloggi ERP - Possibilità di ottenere una riduzione del canone

Viste le difficoltà socio economiche che molte famiglie purtroppo si trovano a fronteggiare, derivanti dagli effetti dell'epidemia Covid-19, gli assegnatari di alloggi ERP che hanno subito una diminuzione del reddito familiare per messa in cassa integrazione, perdita del lavoro, mancato rinnovo del contratto ecc., possono richiedere alla Società Siena Casa la diminuzione del canone inoltrando la documentazione attestante la situazione economica. Siena Casa valuterà, in accordo con il comune interessato, ai sensi dell’art. 28, comma 6, della Legge Regionale n. 2/2019 la possibilità di una diminuzione del canone dal secondo mese successivo a quello della richiesta.
Per informazioni sulle modalità di invio della richiesta contattare Siena Casa al numero 0577 281916 oppure alla mail segreteria@sienacasa.net



SONO APPROVATI I NUOVI MODELLI PER LA RICHIESTA DEI BUONI SPESA PER L'EMERGENZA CORONAVIRUS

Con deliberazione della Giunta Comunale numero 41 del 15/4/2020 è stato approvato il secondo avviso per l'erogazione dei Buoni Spesa per l'emergenza coronavirus.
La domanda per accedere agli aiuti potrà essere presentata scaricando il modello allegato
Il modello dovrà essere poi compilato, stampato, firmato, scansionato o fotografato insieme ad un documento di identità valido, e inviato ai seguenti indirizzi mail:
messaggi@comune.castelnuovo.si.it
protocollo@comune.castelnuovo.si.it
castelnuovo-berardenga@postacert.toscana.it

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato per
 

lunedì 20 aprile p.v. alle ore 12:30.


Le domande potranno essere presentate anche presso i due sportelli attivi sul territorio comunale, secondo il seguente calendario:
- capoluogo: municipio, nei giorni di giovedì 16, venerdì 17, sabato 18 e lunedì 20 aprile, dalle ore 9:30 alle ore 12:30;
- Quercegrossa: centro civico scuola primaria, venerdì 17 aprile, dalle ore 9:30 alle ore 12:30

Per i dettagli prendere visione dell'allegato Avviso per l'adozione di misure urgenti di solidarietà alimentare


Tre buone regole per la salute tua e di tutti

 -   Stai a casa: esci solo per motivi di salute o per andare a lavorare se necessario
-   Mantieni comunque la distanza di almeno un metro dalle altre persone 
-   Se hai raffreddore, febbre o altri sintomi influenzali stai a casa e chiama il tuo medico o pediatra di famiglia, disponibile al telefono dalle ore 8 alle 20 tutti i giorni"

Vademecum Coronavirus informazioni Regione Toscana  Link Ministero Salute



 



È disponibile il modello di autodichiarazione per gli spostamenti dal 4 maggio 2020. Può essere ancora utilizzato il precedente modello barrando le voci non più attuali.

L'autodichiarazione è in possesso degli operatori di polizia e può essere compilata al momento del controllo.

Scarica i modelli di autocertificazione Versione PDF o Editabile.

Scarica l'elenco degli esercizi convenzionati dove poter spendere i buoni spesa:
Elenco Siena - Elenco Castelnuovo Berardenga

Link servizio Spesa a Domicilio 

Leggi le risposte alle domande più frequenti FAQ SPOSTAMENTI 

ATTIVITÀ PRODUTTIVE - COMUNICAZIONE PROSECUZIONE ATTIVITÀ

È scaricabile il modulo per la comunicazione della prosecuzione delle attività sospese dal DPCM del 22/3/2020 ma che necessitano di interventi di manutenzione degli impianti - link al modulo

 

EMERGENZA ALIMENTARE E FARMACEUTICA 

I cittadini del comune di Castelnuovo Berardenga che si trovano in difficoltà per gli spostamenti e per il reperimento di generi alimentari, medicinali, o beni di prima necessità, possono rivolgersi ai seguenti numeri:
Mauro Minucci 3423573274 per le zone di Pianella, San Giovanni a Cerreto, Ponte a Bozzone, Quercegrossa, Vagliagli, Pievasciata.
Martina Borgogni 3477733450 per le zone di Castelnuovo Berardenga, San Gusmè, Villa a Sesta, Casetta, Montaperti, San Piero.
Per qualsiasi comunicazione è possibile usare anche gli indirizzi mail:
mauro.minucci@comune.castelnuovo.si.it
martina.borgogni@comune.castelnuovo.si.it 



CONSEGNA MASCHERINE

AGGIORNAMENTO 10 APRILE

Visti gli ottimi risultati della giornata di ieri, dove sono state consegnate circa l'85 % delle mascherine abbiamo deciso delle modifiche alle postazioni di consegna:
questa mattina dalle ore 9.00 fino alle ore 12.30 riprenderemo la consegna in tutte e 37 le postazioni come previsto dalle comunicazioni di questi ultimi giorni, mentre nel pomeriggio le consegne verranno effettuate dalle ore 15.00 alle ore 18.30, nelle 14 postazioni di cui alla tabella allegata

SI RICORDA CHE:
- Tutte le persone che per qualsiasi motivo non possono uscire possono chiamare il numero 342 3573207 per la consegna a domicilio. 
- L'uscita dalla propria abitazione è concessa SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER IL RITIRO DELLA MASCHERINA ED A UN SOLO PER UN COMPONENTE PER NUCLEO FAMILIARE.  
- Si possono ritirare le mascherine anche per altri nuclei familiari, solo comunicando NOME COGNOME INDIRIZZO E NUMERO DI COMPONENTI. La richiesta sarà compilata dell'operatore sotto vostra dettatura.



GIOVEDI' 9 E VENERDI' 10 APRILE LA CONSEGNA DELLE MASCHERINE

Sono in consegna le mascherine della Regione Toscana in tutto il territorio del Comune di Castelnuovo Berardenga, così come prescritto dall’ordinanza del presidente della Regione, Enrico Rossi. Grazie al mondo del volontariato e della protezione civile locale sono state organizzato 37 postazioni (vedi allegato) per la consegna di mascherine FFP1
Le consegne saranno effettuate: giovedì 9 e venerdì 10 aprile dalle ore 9 alle ore 12.30 e dalle ore 15 alle ore 18.30. A Colonna del Grillo dalle ore 9 alle ore 12.30, a Guistrigona, dalle ore 15 alle ore 18.30, a Castelnuovo Scalo e Corsignano tutto il giorno a esaurimento. Per ritirare le mascherine è necessario recarsi nel punto di consegna più vicino alla propria abitazione. Il ritiro potrà essere effettuato da una sola persona per nucleo familiare. Per le quantità a noi assegnate, saranno consegnate due mascherine a ogni persona.

Ritirare le mascherine anche per altri nuclei familiari.

Sarà possibile ritirare le mascherine anche per altri nuclei familiari (amici, familiari, parenti, condomini) con un apposito modulo presente nel punto di consegna. Con questa modalità ogni punto di consegna distribuirà al massimo mascherine per 100 nuclei familiari in quattro mezze giornate.

Evitare le code e gli assembramenti.

Non è necessario affrettarsi tutti il giovedì mattina alle 9 ed è consigliato, nel limite del possibile, di evitare di mettersi in coda la qualora ci fossero altre persone presenti. In questo modo sarà possibile distribuire al meglio la consegna nei due giorni.

L'ordinanza del Presidente della Regione diventerà efficace da lunedì 13 aprile. Al punto di consegna sarà distribuito anche l'allegato 3 dell'ordinanza, sulle modalità d'uso delle mascherine.
Si ricorda inoltre che chi fosse impossibilitato a muoversi e non ha nessuna persona che può effettuargli il ritiro, può contattare il numero della Protezione Civile 342/3573207 per richiedere la consegna a domicilio.

Per i dettagli dei punti di consegna e per altri documenti visitare la pagina dedicata raggiungibile dal menu' a sinistra Consegna mascherine






AGGIORNAMENTO 1/4/2020

I chiarimenti del ministero dopo la circolare del 31 marzo sulle disposizioni per la prevenzione del contagio Covid-19

Le regole sugli spostamenti per contenere la diffusione del coronavirus non cambiano.
Si può uscire dalla propria abitazione esclusivamente nelle ipotesi già previste dai decreti del presidente del Consiglio dei ministri: per lavoro, per motivi di assoluta urgenza o di necessità e per motivi di salute.
La circolare del ministero dell'Interno del 31 marzo si è limitata a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale. In particolare, è stato specificato che la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute.
Per quanto riguarda l'attività motoria è stato chiarito che, fermo restando le limitazioni indicate, è consentito camminare solo nei pressi della propria abitazione. La circolare ha ribadito che non è consentito in ogni caso svolgere attività ludica e ricreativa all'aperto e che continua ad essere vietato l'accesso ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici.
La medesima circolare ha ricordato infine che in ogni caso tutti gli spostamenti sono soggetti a un divieto generale di assembramento e quindi all'obbligo di rispettare la distanza minima di sicurezza. Le regole e i divieti sugli spostamenti delle persone fisiche, dunque, rimangono le stesse.​ 

Prendere visione della Circolare

AGGIORNAMENTO 22/3/2020

Da oggi il divieto per le persone fisiche di spostamenti tra comuni

Ordinanza Salute-Interno per evitare flussi di persone

Da oggi, su tutto il territorio nazionale, è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui si trovano. Uniche eccezioni: comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.

Sono le prescrizioni contenute nell'ordinanza adottata congiuntamente dai ministri della Salute Roberto Speranza e dell'Interno Luciana Lamorgese che, allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19, sarà efficace fino all'entrata in vigore di un nuovo decreto del Presidente del consiglio dei ministri, di cui all'articolo 3 del decreto legge 23 febbraio 2020, n.6.

AGGIORNAMENTO 21/3/2020

In applicazione dell'Ordinanza del Ministero della Salute (vedi allegato) abbiamo segnalato il divieto di accesso in tutte le aree verdi e i giardini pubblici del Comune di Castelnuovo Berardenga.



ATTENZIONE!!!

ATTIVAZIONE COC - CENTRO OPERATIVO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

 

A seguito della pubblicazione dell'Ordinanza Sindacale n.31/2020 il Centro Operativo Comunale è stato attivato con le funzioni strettamente dedicate alla gestione e al coordinamento di questa fase dell'emergenza COVID-19.

In tal senso è disponibile un numero di reperibilità H24 ESCLUSIVAMENTE DEDICATO ALLA SEGNALAZIONE DI CRITICITA' relative all'emergenza in corso,  alle Associazioni di volontariato, agli enti preposti alla gestione della situazione emergenziale, ai cittadini posti in quarantena.

Per criticità socio-sanitarie relative all'emergenza viene attivato il n. 342 357 32 07

Risponderà un funzionario addetto al Centro Operativo Comunale.
L'uso inappropriato di questo numero deve essere assolutamente evitato.