28.12.2020 - Convenzione fra il Comune di Castelnuovo Berardenga e Microcredito di Solidarietà per un nuovo fondo di garanzia a sostegno del territorio

Il Comune di Castelnuovo Berardenga e Microcredito di Solidarietà, società di cui Banca Monte dei Paschi di Siena è cofondatore e maggiore azionista, hanno firmato una convenzione per istituire un nuovo fondo di garanzia pari a 200 mila euro con cui l’amministrazione comunale si fa garante di prestiti erogati a imprese con domicilio fiscale a Castelnuovo Berardenga, residenti con attività imprenditoriali fuori dal Comune e nuclei familiari in difficoltà. L’atto è stato siglato dal primo cittadino castelnovino, Fabrizio Nepi, e dal presidente di Microcredito di Solidarietà, Vittorio Stelo, e rafforza il sostegno sociale ed economico del Comune a favore di famiglie e imprese del territorio colpite dall’emergenza sanitaria guardando anche alla ripartenza post Covid-19. 

La convenzione fra il Comune di Castelnuovo Berardenga e Microcredito di Solidarietà punta a sostenere famiglie, attività in difficoltà a seguito dell’emergenza sanitaria e nuove realtà imprenditoriali che in questo momento non riescono ad accedere al credito bancario o finanziario. Le risorse saranno disponibili da fine dicembre 2020 con un iter più rapido e semplice che vedrà l'amministrazione comunale di Castelnuovo Berardenga come soggetto garante. Attraverso lo stanziamento di 200 mila euro, infatti, il Comune castelnovino si è impegnato a costituire presso Microcredito di Solidarietà un fondo di garanzia a copertura di eventuali insolvenze per agevolare l’accesso al credito delle fasce sociali più colpite dall’emergenza Covid-19. 

“La convenzione con Microcredito di Solidarietà, con cui collaboriamo già da molti anni e che ringrazio per la disponibilità - afferma il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi - rappresenta un accordo importante per sostenere numerose famiglie e imprese in un momento sociale ed economico complesso come quello attuale e per guardare al futuro con nuove prospettive. Lo stanziamento di risorse a favore del nuovo fondo di garanzia, approvato in consiglio comunale all’unanimità, rafforza il rapporto con Microcredito di Solidarietà, che può aiutare a superare difficoltà e disagi, a prevenire povertà ed emarginazione sociale e a rilanciare la nostra economia con nuovi investimenti o aperture di attività. Attraverso le risorse erogate da Microcredito di Solidarietà, infatti, famiglie e imprese in difficoltà potranno contare su risorse alternative rispetto a finanziamenti tradizionali che rendono più difficile, e talvolta impossibile, l’accesso al credito bancario da parte di soggetti che non hanno garanzie idonee al prestito ordinario ma sono in grado di impegnarsi in un progetto di sviluppo delle proprie idee. Questo piano straordinario di aiuti - aggiunge Nepi - si aggiunge alle numerose iniziative promosse fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria a favore di diverse categorie della nostra comunità ed è stato possibile grazie alla solidità del bilancio comunale. Il suo obiettivo è duplice: offrire sostegno immediato alle necessità socio economiche emerse in questi mesi e proporre azioni per il rilancio del nostro tessuto sociale ed economico dopo l’emergenza”.

“Il nuovo fondo di garanzia è un risultato importante per tutti i residenti e domiciliati nel Comune di Castelnuovo Berardenga - commenta il presidente di Microcredito di Solidarietà, Vittorio Stelo - ed è frutto della stretta collaborazione che lega il Microcredito di Solidarietà al Comune. Questa convenzione, che potrebbe costituire un esempio da seguire da parte di altri enti locali, anche per efficienza e unità di intenti, peraltro in aggiunta ad altra già operante dal 2014, è per noi motivo di soddisfazione perché si aggiunge a tante operazioni dell’ultimo anno volte a potenziare l’intervento di Microcredito a sostegno di famiglie bisognose e micro-imprese. Auspichiamo, così, di essere utili e decisivi soprattutto in questo momento di forti difficoltà rese più acute dall’emergenza sanitaria ancora in corso e in prospettiva alla luce delle ricadute economiche della pandemia sulle fasce più deboli della società”.

Microcredito di Solidarietà è stato fondato a Siena nel 2006 da Banca Monte dei Paschi di Siena, Comune e Amministrazione Provinciale di Siena, Diocesi di Siena e quella di Montepulciano, altri Comuni della provincia, le associazioni di volontariato  e grazie al supporto indiretto della Fondazione Mps, per far fronte a necessità finanziarie di privati e famiglie che trovavano difficoltà ad accedere ai canali ordinari del credito bancario e aiutare, così, a superare difficoltà economiche temporanee o avviare una nuova attività imprenditoriale. La Società opera oggi attraverso 40 centri di ascolto in locali messi a disposizione da Banca Mps nella sede di Siena e presso le associazioni di volontariato nelle province di Siena, Massa Carrara e Grosseto. I centri di ascolto sono aumentati nel corso del 2019 grazie alle convenzioni con la Diocesi di Grosseto e il Comune di Follonica.